Crea sito

foliage vicino Milano: una gita all’Oasi Zegna

Tra un nuovo DPCM e i timori di un possibile nuovo lockdown, cresce il bisogno di stare all’aria aperta e godersi la natura finché si può; ecco quindi un’idea per osservare un bellissimo foliage vicino Milano: una gita all’Oasi Zegna, in giornata, raggiungibile in auto in meno di due ore, con sentieri di diversa difficoltà e lunghezza.

dove: Oasi Zegna, Piemonte
come: auto
cosa: paesaggi, strade panoramiche, trekking, montagna
quando: autunno
per quanto: in giornata
a quanto: meno di 50€ a testa

foliage vicino Milano: una gita all'Oasi Zegna

cos’è l’Oasi Zegna

l’Oasi Zegna è un parco naturale ad accesso libero e gratuito nelle Alpi biellesi, in Piemonte, nato dal progetto visionario dell’imprenditore Ermenegildo Zegna che negli anni ’30 del secolo scorso decise di dare vita ad un’imponente opera di riqualificazione ambientale nella zona dove sorgeva (e sorge ancora oggi) il suo lanificio. 

Grazie alla piantumazione di migliaia di alberi, oggi l’oasi si estende per oltre 100km quadrati tra Trivero e la Valle Cervo, ed è attraversata da una strada super panoramica, la Panoramica Zegna, appunto.

il tramonto sulla nebbia dalla Panoramica Zegna

il foliage all’Oasi Zegna

Per la sua conformazione naturale e per la tipologia di piante presenti è il luogo perfetto per ammirare il foliage vicino Milano: una gita all’Oasi Zegna tra ottobre e novembre permette di assistere ad un’esplosione di colori che ha pochi eguali in Italia. 

passeggiare in autonomia o con la guida?

Ogni anno vengono organizzate delle passeggiate guidate alla scoperta della meravigliosa vegetazione dell’oasi. Quest’anno sono state suddivise in sei weekend, fino al 15 novembre, per acquistare il biglietto potete cliccare qui.

Naturalmente è possibile organizzare l’uscita in piena autonomia replicando i percorsi suggeriti dalle guide, che sono i più suggestivi per osservare il foliage. Nel mese di ottobre per trovare colori più intensi è necessario salire ad alta quota, al Bosco del Sorriso, mentre a novembre si può rimanere in Brughiera.

passeggiata al Bosco del Sorriso

Per raggiungere il Bosco del Sorriso si parte dalla Locanda Bocchetto Sessera (impostatelo sul navigatore e lasciate l’auto nei pressi del ristorante). Numerosi pannelli e indicazioni suggeriscono il percorso, quindi perdersi è impossibile. Si può percorrere l’anello di “forest bathing” proposto, oppure fare qualsiasi deviazione, secondo i propri desideri e l’ispirazione del momento. 

Da qui, in meno di un’ora di passeggiata – su sentiero ampio e coperto di foglie, scarpe da trekking solo per comodità, ma fattibile anche con le scarpe da ginnastica – si raggiunge una radura che regala una vista meravigliosa sul versante della montagna coperto da alberi dalle chiome variopinte. 

Risalendo di poco si raggiunge il piccolo agriturismo Alpe Montuccia dove si può fare una merenda a base di torte casalinghe, caffè fatto con la moka o formaggi (tagliere misto a 5€, non fatevi sfuggire la toma fontinata!) e si chiude l’anello ritornando all’inizio del percorso.

dove mangiare all’Oasi Zegna

l’Oasi è molto vasta ed è puntellata di rifugi e agriturismi. Non abbiamo sperimentato in prima persona, ma mi segnalano l’hotel Bucaneve. A giudicare dall’affluenza, tra l’altro, sembra che meriti una visita. 

Se siete alla ricerca di altre idee per una gita autunnale in giornata a meno di due ore da Milano, vi rimando a questo articolo che contiene altri spunti.